PREGHIERA 1976

40 anni fa Pippo Tutone, Giovanni Menni, Francesco Gambaro donarono ai soci del loro circolo una preghiera del Corano in cotto siciliano, una storia Zen in carta di riso, un concerto di musica indiana e africana. Cominciò da quel 14 dicembre l’inizio della fine del terzo pianeta, preceduto dalla proiezione de L’Uomo che cadde sulla terra di Nicolas Roeg.

 Preghiera in cottoAh sìTamburino Corano

Annunci

Qulo

Qulonegli anni della defenestrazione ibrida dell’intelligenza negli anni della joventude sessattontina fui furioso anticruscardo ogni giorno preparando bombe sgrammaticali una delle quali fu la soppressione nel becero sillabario del volgare italiano della inutile Q mi rispose a baionetta spegnendo le mie evolute micce apologetiche della nova gramatica giovanni menni un comunardo sopravvissuto alla decapitazione di termidoro in termidoro  come cazzo lo scrivi culo senza la Q

Ai gran quli

e a Giovanni Menni che, in tempi di mie giovanili intemperanze linguetiche e di ingenuo impegno anticruscardo (facevo lo sciopero della c per l’elimiazione della lettera q dall’alfabeto italiano sulle scalinate della rosea Facoltà di Lettere e Filosofia di Palermo), mi IMPARO’ che QULO si può scrivere solo con la q.